Ad agosto festival alla Lucciola

Ad agosto la nostra associazione curerà un piccolo festival con la presenza di alcuni validissimi gruppi rock.
Tra una decina di giorni annunceremo tutte le band.
Le serate si terranno all'interno della festa democratica della Lucciola a Villadossola.

Una anticipazione la possiamo dare: suoneranno i LORDS OF ALTAMONT una grande rock band da Los Angeles.

Finita la stagione 2010/11: soddisfatti?

Noi si. Ci siamo trasferiti in un luogo molto bello (MeltinPop), abbiamo conosciuto gente diversa, associazioni che in quel luogo, come noi, organizzano eventi, concerti, mostre , dibattiti.
Insomma un luogo vivo e aperto in cui è molto bello esserci e partecipare.
Tirando le somme della difficile scelta di "abbandonare" Verbania  e la nostra "autonomia" la sfida, per ora, ci sembra vinta.
Anche perchè ad Arona, oltre a facce nuove, abbiamo riviso anche molte delle "solite" e fantastiche facce da Perchè No?. Segno che qualcuno ci ha seguiti!
E poi i concerti, ma non dovremmo essere noi a dirlo, ci sono sembrati ottimi. Dai grandiosi Appaloosa ai grintosi Smart Cops, dai soliti irriverenti Demons alla dolcezza dei Comaneci.
L'arrivecerci è alla prossima stagione a settembre anche se è in ballo una sorpresa: ad agosto con l'organizzazione di alcuni concerti alla Lucciola di Villadossola (state con gli occhi aperti..).
Commenti e critiche sul guestbook.

Stagione 2010/2011


-- sabato 9 ottobre 2010 Tom Moto + Orbe

www.myspace.com/tommotoband I Tom Moto nascono nel novembre del 2006 grazie all'incontro di Giulio Tosi al basso, Juri Massa alla batteria e Marco Calcaprina alla tromba. Dopo aver registrato il primo demo nel gennaio 2007 contenente 4 tracce al Syncropain Studio di Pisa si dedicano all'attività live collezionando concerti in tutta Italia. Nell'agosto del 2007 registrano il primo disco ufficiale "Junk" grazie al sostegno di Ivan A. Rossi che lo produce. Il gruppo si rinchiude 10 giorni allo Shape Recording Studio a Cascina e dà alla luce un cd contenente 12 tracce. 3 di queste sono readings tratti da "Post Office", il capolavoro di Charles Bukowski letti da Alex Zobel. Il disco verrà mixato nel corso del 2007/2008 all'Apricot Studio di Milano fino alla travagliata uscita nel dicembre del 2008 grazie al sostegno di Loris Furlan e della Lizard records. A pochi mesi dall'uscita sono numerose le recensioni sui più importanti magazine italiani (Rumore, Blow Up, Mucchio, Rockerilla ecc.) che si possono scaricare sul blog di questa pagina. Inoltre grazie a "Junk" i Tom Moto vincono i Progawards 2008 come best debut album, inoltre vincono la XIII rassegna di Musica Diversa "Omaggio a Demetrio Stratos" del 2009.

www.myspace.com/orbeterraqueo Orbe: Psichedelica / Hardcore / Alternativo tra Arona, Milano, Novara.

Italia

-- Sabato 6 novembre

Concerto del Perchè NO? (in collaborazione con ass. Samsara) presso il circolo Arci Meltin’Pop ad Arona. Da Bologna i Marnero, ad aprire gli Ogni Giorno da genova. Ingresso gratuito con tessera Arci - Inizio concerto ore 09.30, fine concerto a mezzanotte! www.percheno.org

Marnero. Dietro il monicker Marnero (tutto attaccato) si celano volti noti per chi segue e sostiene la scena "alternativa" e underground italiana. In questo caso il termine alternativa, indie se vogliamo, si deve leggere avendo in mente il concetto di antiMtvDay, organizzato annualmente da varie distro (in primis l'eccellente Donna Bavosa), bands ed etichette per dare luce al circuito alternativo della scena italiana..
L'ossatura centrale del progetto è quella dei Laghetto, con John D. Raudo voce/chitarra e G.I. J Ottone alla batteria. A completare il tutto troviamo menmbri di altre formazioni della scena amica come Ed e Lady Tornado.
Avete presenti i momenti più dilatati e claustrofobici dei Laghetto, quelli con giro ripetuti in loop e artefici di atmosfere più dilatate e riflessive (brani come Requiem for C.B., Amaritudinis, Il Conguaglio, etc..), ora rifinitele e allungatele nel segno di formazioni come Neurosis e Breach, aggiungetevi il cantato italiano (con abbondanza di parti recitate) e lasciatele riposare nelle contaminazioni delle scene post di questi ultimi anni.
Il Marnero unisce la necessità di riportare il testo al centro dell’esperienza posthardcore con le sonorità dilatate e ribassate di scuola Neurosis. Il contenuto che si fa largo tra le maglie rarefatte della nuova forma. Il disagio è direttamente dal punk anni 90. “La speranza è una cosa orrenda inventata dai partiti”, diceva Pasolini, la festa è finita, dice il Marnero, ma il teatro brucia e gli attori continuano a declamare
Due produzioni muiscalia cclamate dalla critica italiana,  lo split del 2009 “Si Non Sedes Is” e il lavoro sulla “lunga” distanza uscito  a settembre di quest’anno “Naufragio Universale”
www.ilmarnero.com
www.myspace.com/marnero

Ad aprile la serata Ogni Giorno da Genova Nuova nbad nata nel 2010 con membri di Eat The Rabbit. www.myspace.com/ognigiorno

-- Sabato 4 dicembre

Concerto del Perchè NO? (in collaborazione con ass. Samsara) presso il circolo Arci Meltin’Pop ad Arona. Da Livorno gli Appaloosa. Ingresso gratuito con tessera Arci - Inizio concerto ore 09.30, fine concerto a mezzanotte! www.percheno.org

Gli Appaloosa www.myspace.com/appaloosarock sono diventati ormai una delle funk/noise/power band più apprezzate della penisola, grazie anche ai loro travolgenti ed infuocati live set che a detta di molti rappresentano un’esperienza difficile da dimenticare. Il progetto nasce nel 1998 a Livorno da Enrico Pistoia e Niccolò Mazzantini a cui si unisce nel 2000 Marco Zaninello. Il gruppo dà forma ad un sound strumentale che fonde sonorità noise con funk e psichedelia: in questo periodo il gruppo compone molto usando due bassi. Nel 2002,partecipa ad Arezzo Wave esibendosi sullo Psycho stage riscuotendo attenzione e approvazione da parte del pubblico e degli addetti ai lavori; Ondanomala, l’etichetta discografica facente capo al festival gestisce l’entrata in studio della band nell’inverno successivo. Il disco omonimo esce in concomitanza di Arezzo wave 2003 e viene presentato con una seconda esibizione ottenendo il bis di successo ed approvazione

Nell’Aprile 2004 si unisce al gruppo Simone Di Maggio, deviando la composizione dei brani verso l’elettronica. Con questa nuova formazione allargata gli Appaloosa si esibiscono per la terza volta al festival aretino, questa volta sul Main stage con Karate e Cypress Hill; di lì a poco arriveranno le esibizioni al Tora Tora festival di Reggio Emilia e Genova. Nella primavera 2005 gli Appaloosa intraprendono un mini-tour in Spagna e nei Paesi Baschi.
Nel giugno 2005 il gruppo si reca presso il Blocco A di Padova per la realizzazione del 2° disco mettendosi nelle sapienti mani di Giulio Ragno Bavero (Teatro degli Orrori, Zu, One Dimensional Man…). I brani che ne vengono fuori sono la testimonianza di come gli Appaloosa siano riusciti a far convivere tutto ciò che hanno maturato finora, dove ogni traccia ha una sua precisa identità, sia per il tipo di canzone che per gli strumenti usati; il tutto è unito da un sound potente e sporco. Il lavoro viene molto apprezzato da Paolo Naselli Flores della Urtovox che decide di pubblicare il disco, ironicamente intitolato “Non posso stare senza di te”.
Il gruppo suona per tutto il 2006 e 2007 in giro per la penisola supportato da Urtovox e dall’agenzia Locusta, si aggiunge per il live il bassista Michele Ceccherini e con questa formazione fanno più di 90 concerti, potendo comunicare e sfogare a pieno la loro carica live.

In questo periodo realizzano un video con la collaborazione di Urtovox e del fotografo Martino Chiti della canzone “Are you mons? no i’m Jurgen” che andrà in rotazione nei mesi successivi su Mtv, Mtv brand new e Rock tv.
Dopo aver partecipato nel’estate del 2008 ad Italia Wave, spostatosi nella loro città, parte la produzione del 3° disco che viene registrato nuovamente al Blocco A di Padova dal fido Giulio Ragno Favero nel Maggio 2009.
A distanza di 4 anni dall’ultimo loro lavoro eccoli dunque tornare alla ribalta, più carichi che mai. Ed é il solito calcio nello stomaco; sfornano un album dotato di un groove poderoso e potente, votato all’ascolto ad alti volumi, con improvvise impennate electro dance, che impediscono l’immobilità dell’ascoltatore; funk noise scurissimo e marciscente che trivella e seduce in un vortice di sound passione e sudore. Savana rappresenta l’ulteriore passo avanti di una band capace di mettersi in gioco unendo l’amore per la ricerca e la sana voglia di divertirsi facendo divertire.
A partire dal sound electro/orientale di “Chinatown Panda” e la spregiudicata ma affascinante “Mons Royal Rumble” fino ad arrivare alla copertina del disco…
Un bel minestrone alla nitroglicerina insomma… Per farvi un pò di calduccio nelle prossime giornate d’inverno.

Venerdì 21 gennaio - Demons (Swe) + Groundfloor (VB)

(dalla Svezia) www.myspace.com/demonssthlm

Torna con un disco nuovo da presentare una delle nostre band preferite.Una macchina perfetta di semplice e diretto rock'n'roll. Grande show, ma già lo sapete se avete visto gli altri concerti organizzati dal Perchè No?.
I ''Demons'' nascono nel '95 a Stoccolma e fanno parte della straordinaria scena anni '90 del r'n'r svedese.
Dopo decine di concerti, qualche uscita in compilatione e qualche ep, nel 2000 firmano con l'etichetta R'N'R Gearhead Records debuttando con il loro primo disco "Riot Salvation'' recensito alla grande da tutta la critica.
Partono tour e date  tra cui, alla fine del 2001 nella west coast insieme alle leggende The Fleshtones.Nella primavera del 2003 esce il secondo disco  ''Stockholm Slump'' (Gearhead) e suonano con Hellacopters, Hives, New Bomb Turks. Nel 2003 sono in tour in Italia (tra cui nella vecchiia sede del Perchè No? per un concerto memorabile), Germania, Gran Bretagna, e ci ritornano anche nel 2004 per presentare un altro disco intitolato semplicemente ''Demons"

Dopo i tour europei vanno negli USA ( per tornarci 4 volte in due anni!) anche per promuovere il nuovo disco ''Demonology- If You Cant Join Us Beat Us'' (Gearhead 2004). Il tour li porta a suonare al Noise Pop Festival con i Detroit Cobras e con gli  Hives al SXSWdi Austin. Sempre nel 2004 volano in Giappone. Alla fine del 2004 la formazione perde un componente e vanno avanti come trio.

Negli anni seguenti proseguono con numerosi show e scrivono il materiale per un altro disco che esce nel 2006 “Demons” Mach II to the world".  Nello stesso marzo tornano a trovarci a Verbania (altro grandissimo show).
Nel 2008 sono in tour con gli Hellacopters ed esce l'album “Ace In The Hole” che li porta nel 2009 di nuovo i Italia (e di nuovo a Verbania).
L'ultimo lavoro è del 2010 e si chiama "Scarcity Rock" (Alaska Productions) uscito a Novembre 2010

Ad aprire la serata i verbanesi Groundfloor www.myspace.com/groundfloorrockband una bella novità nel panorama rock locale. Sonorita rock classiche (quasi grunge) ma non scontate, grinta e davvero belle canzoni (ascolate il loro myspace).

 

- Sabato 5 febbario 2011 CIBO (Torino)

Pazzi, divertenti, fuoriditesta.. una vera live band... da vedere!
I cibo nascono nella primavera del 2004 dall’unione tra una band hard core melodico (formata da Marco, Fede e Matteo) e la voce gridata di Giorgio il cui risultato è, almeno nei primi due anni di attività, un sound che mescola il grind e l’hard core ad una sana attitudine demenziale.
Il loro primo lavoro, il cortissimo disco “appetibile” viene pubblicato all’inizio dell’anno 2005 tramite la rete do it yourself.
Nel dicembre del 2005, dopo una serie di concerti, Luca (chitarrista) lascia i Cibo che decidono unanimemente di restare in 4, e già nel febbraio del 2006 registrano il loro secondo lavoro: “ignorante”, remixato poi nell’ottobre 2006 da Tino Paratore e pubblicato ancora con metodo D.I.Y. nel febbraio 2007. Nel corso del 2007 i Cibo incominciano ad avere influssi sempre più melodici sul cantato e a indirizzarsi verso un genere sempre meno definibile come hard-core grind.
La prima testimonianza di questo cambiamento è lo split Cibo+Airlines of terror: interamente registrato e mixato da Tino Paratore nell’ottobre del 2007 e presentato poi ad aprile del 2008 .
La svolta definitiva avviene quando nel marzo del 2009, conseguentemente alla decisione di Matteo ( chitarra ) di lasciare i Cibo, il gruppo decide di acquisire due nuovi chitarristi : Federico ( Rico ) che già a maggio dello stesso anno si presenta con il grinta sui palchi di Torino e Milano e Vincenzo ( Vincerico ) che a partire da dicembre 2009 diventa ufficialmente parte del gruppo.
Nel 2010 producon un nuovo lavoro, un Ep intitolato "Qualità".
http://www.myspace.com/appetibile
http://www.youtube.com/user/iCIBO

-- Venerdì 11 marzo 2011, Lucertulas + Mauve

www.myspace.com/lucertulas
Parlare dei trevigiani Lucertulas vuol dire parlare di una delle band italiane migliori (la migliore?)  nel panorama rock "alternativo". Dal vivo abbiamo la prova (avendoli visti più volte) che sono una band di assoluto valore. Incendiari, furiosi, incontenibili, in una sola parola imperdibili!
Verranno a presentare il loro terzo disco "The Brawl" uscito a metà 2010 "ovvero la rissa. Ma in questo disco a scontrarsi selvaggiamente sono le note, le distorsioni, i ritmi frenetici, i rumori. Il loro è un noise punk (hardcore) per nulla banale, urlato e graffiante, complesso ma deciso. Registrato e mixato in 88 ore allo Studio Blocco A nell’ottobre del 2009 da Giovanni Ferliga, braccio destro dell’onnipresente Giulio Favero, ‘The Brawl’ è uscito lo scorso febbraio anche in versione CD + vinile, quindi con quattro tracce in italiano in più rispetto alle nove di base. Dopo le ottimr critiche che hanno accompagnato la precedente uscita ‘Tragol De Rova’ (la seconda), non si può che confermare ciò che già è stato detto: una band assoluta.

"THE BRAWL" recensioni 2010
BLOW UP #146/147 LUGLIO/AGOSTO 2010
“The Brawl” però giunge al punto come una muraglia sonora fatta di psicosi, bestialità, desiderio di bruciare all'istante.
C'è meno voglia di sperimentare e più di attaccarsi alle palle dell'ascoltatore.
(7/8) Fabio Polvani.

MUCCHIO SELVAGGIO
# 672/673 LUGLIO/AGOSTO 2010
concentrato sferragliante e selvaggio di post-hardcore e noise, The Brawl aggredisce e stranisce per tutti i suoi tre quarti d'ora di durata, mettendo in luce competenza e ispirazione – cosa non scontata, considerando come il genere sia inflazionato – e non lesinando in adrenalina e catarsi. Gli eventuali scettici potranno convincersi scaricando gratuitamente i nove pezzi del compact dal sito della Macina Dischi... ma perché accontentarsi degli mp3, quando il magnifico oggetto costa appena dieci euro?
Federico Guglielmi

RUMORE
#222/223. LUGLIO/AGOSTO 2010
Tragol De Rova, il loro primo album, ci aveva colpito durissimo: The Brawl, la nuova rissa, arriva a farci sanguinare. Incartato in una confezione povera nei materiali ma ricchissima nella cura e nella composizione, The Brawl è quel che promette: un disco che fa saltare denti e scheggiare ossa. E' inevitabilmente da comprare se vi sta a cuore almeno un pochino la sorte di chi spinge questa musica in Italia.
8 Raoul Duke

Ad aprire la serata i Mauve da Verbania
www.myspace.com/feelmauve

I mauve presenteranno Il secondo LP, “The night all crickets died”.
Nascono a Verbania nel 2006 dall’incontro tra Carlo Tosi (voce, chitarra) e Elda Belfanti (batteria) a cui si aggiunge Alberto Corsi (chitarre); dopo i primi mesi passati a comporre, mischiare, sperimentare, iniziano i primi concerti live. Nell’estate registrano a Torino, presso il Sub mix pro studio, quattro brani in presa diretta che troveranno spazio nel primo EP, “Sweet noise on the sofa”: un mix di melodie pop alternate a sfuriate noise e cavalcate strumentali. Nel gennaio 2007 l’EP viene inserito in catalogo dalla Canebagnato records di Milano e nello stesso mese viene realizzato il video del singolo “Keep me warm”. Il disco inizia a ricevere ottimi riscontri da parte di stampa e addetti ai lavori, e nel marzo del 2007 Mauve Paranoid viene inserita nella compilation organizzata dalla webzine U-Turn, con il meglio delle ultime uscite indie di inizio anno (in compagnia di Low, Blonde Redhead e Dinosaur Jr.). Mentre prosegue l’attività live nel nord Italia, nel mese di settembre viene registrato da Christian Alati (Don Quibòl, Gatto ciliegia contro il grande freddo) il brano Electronic Scales, inserito nella compilation “A living dog is better than a dead lion” (cd, Canebagnato, 2007). Durante l’autunno registrano in una cascina sperduta nelle Langhe - ancora sotto la supervisione di Christian Alati – undici brani inediti che andranno a costituire il primo Lp della band, “Kitchen Love” (cd, Canebagnato, 2008). Il disco riceve ottime recensioni e porta il gruppo a suonare per l’Italia insieme ad importanti gruppi della scena alternativa (Lento, Jens Lekman, Picastro, Jersey e altri). Nel frattempo la formazione si amplia con un quarto elemento al basso, Matteo Frova. All’inizio del 2009 viene registrato un nuovo brano acustico, Song for… , inserito nella compilation “Even dogs like to dance” (cd, Canebagnato, 2009). Nell’aprile 2009 viene pubblicato in download gratuito l’EP “Blender”, contenente quattro brani tratti da Kitchen Love, remixati e rivisitati per l’occasione da Rob Glover (Epic 45), Arnoux (Ten thousand bees), Daniele Carretti (Offlaga disco pax) e con_cetta. In estate prosegue l’attività live che porta il gruppo a suonare all’Alter Festival (Roma, Circolo degli artisti), in Valle d’Aosta e in Emilia Romagna. Dall’inizio del 2010 i mauve si rinchiudono in sala prove per comporre nuovi brani che si discostano dai precedenti, avvicinandosi sempre più al lato noise e psichedelico ma senza rinunciare alla forma-canzone, amalgamando voce maschile e femminile. Durante l’estate registrano in analogico nove brani inediti allo studio Bunker di Rubiera (RE) con Andrea Rovacchi (Julie’s Haircut, Slugs). Il secondo LP, “The night all crickets died”, è stato pubblicato nel marzo 2011 dall’etichetta piemontese Face like a frog record

--  Sabato 23 aprile 2011, Smart Cops + Honey Majestic 6 Revolver

www.myspace.com/smartcops

Gli Smart Cops spaccano. Fanno punkrock. E sono la nuova sensazione del panorama rock italiano.
Gli Smart Cops sono influenzati dalla tradizione del migliore punk new yorkese '77 (Dead Boys, Ramones), il garage '60 e lo spirito del beat italiano degli anni '60 (I Ribelli, i New Dada), anche per quanto concerne i testi.
Nascono alla fine del 2007 in seguito alla mancata ammissione ad un concorso per arruolarsi in polizia. Sono una macchina impazzita di alienazione sociale, sarcasmo, ribellione e paranoia, un gruppo definito da un'idea musicale e di immagine. Il suono, le parole, sono veloci e rumorose, semplici e dirette. Chitarre sgracchianti e una batteria con colpi ossessivi. Il look è importante tanto quanto la musica; giacche di pelle nera, pantaloni neri con strisce rosse lungo i fianchi, maglia nera con logo rosso e guanti di pelle neri. Un'uniforme che ben rappresenta il non-sense tra genere punk e rigore militare e sottolinea lo spirito situazionista del progetto

 

Dopo numerosi tour tra Stati Uniti, Israele ed Europa, ed in seguito all'uscita di tre 45 giri esplosivi, stampati per etichette come Sorry State (USA) e Adult Crash (Danimarca), finalmente è arrivato il disco intero dal titolo “Per proteggere e servire”, prodotto in versione  cd/digitale da La Tempesta Dischi e in versione vinilica sempre dall’americana Sorry State.  
Gli Smart Cops sono il risultato finale di quattro ragazzi che hanno passato gli ultimi dieci anni a suonare in ogni parte del mondo.
Marco Rapisarda, oltre ad aver fondato i più influenti gruppi punk degli ultimi dieci anni (La Piovra, L'Amico di Martucci), ha intrapreso un percorso parallelo suonando con gruppi americani del calibro di Crocodiles e Blank Dogs, e dividendo i palchi con The Horrors, Raveonettes e molti altri. Dirige inoltre un’etichetta indie, la Hell, Yes!, che vanta un roster di artisti nazionali (Mojomatics, Movie Star Junkies, ecc…) ed internazionali (Dum Dum Girls, Crocodiles ecc..).
Nicolò Fortuni invece arriva dalla malattia dei gruppi indie/noise statunitensi e giapponesi e ha per anni suonato nella band With Love, conosciuta per le performance live devastanti e distruttive, per i concerti sparsi tra USA, Canada, Giappone ed Europa e per aver realizzato l'ultimo disco con l'etichetta "avant" per eccellenza, la californiana GSL (The Mars Volta, The Locust, Vanishing… ).
Edoardo Vaccari, dopo l'esperienza come chitarrista nella band skate punk Ban This, si è unito alla storica band Oi! Klasse Kriminale e coltiva la sua passione per la musica soul ed il movimento mod.
Chiude la quaterna Matteo Vallicelli, giovane sbandato della riviera romagnola, il cui trascorso nelle "balere" gli ha sempre fatto prediligere il corteggiamento di giovani vergini al fascino violento e ribelle del giro punk.

Ad aprire la serata gli Honey Majestic 6 Revolver

Prima uscita per la nuova svolta della band ossolana: dal classico britpop ad una svolta più elettronica, con lattop e quant'altro alla  Primal Scream, New Order

-- sabato 21 maggio, Searata Madcap collective: Comaneci (punkacustico)  + Fathermurphy  (psychedelic-slowtempo-rock)

comaneci info clicca qui - http://www.myspace.com/comaneciband

Comaneci

Comaneci - "Nel 1914, una bimba di 5 anni viene spedita per posta alla nonna. Affrancata pagando meno di un biglietto del treno e caricata sul vagone merci la piccoIa Linn, così si chiamava, viene classificata dalle poste come un pulcino di inconsuete dimensioni".
Dopo "Volcano" uscito nel 2007 per Disaster by Choice, le mille date su e giù per Italia e Europa, Comaneci, in nuovo assetto punk acustico - Francesca Amati alla voce, Glauco Salvo alla chitarra - presentavano così il progetto Girl Was Sent To Grandma's in 1914, prima collaborazione con Madcap Collective..

Nel frattempo quindi si sono succeduti un lungo tour americano, in compagnia dell'amico Bob Corn, altre date italiane, altre date in Europa, per quindi arrivare all'ultimo tour appena conclusosi, che ha toccato Austria, Rep. Ceca, Germania, Olanda, Belgio e Francia.
Il nuovo disco è pronto, si intitola "You a lie", e a partire dal 31 ottobre sarà finalmente in vendita.
Per ogni aggiornamento, visitate spesso:

FATHER MURPHY

father murpy info clicca qui
http://www.myspace.com/reverendmurphy

LA LEGGENDA:"In una calda calda estate, il reverendo Murphy ebbe due figli: freddie e la piccola Chiara Lee.
Dopo essersi addormentati per alcuni anni, freddie a Brooklin e la Lee in Cina, finalmente si ritrovarono a Venezia, dove il vicario Vittorio Demarin, incarnazione dell’eroe biblico GVitron, li battezzò.
L’avvenuta conversione non poteva che confrontarsi con le quaranta notti e i quaranta giorni passati sfidando le tentazioni di Satana nel deserto. Solo al termine di questo periodo le Rivelazioni avrebbero potuto aprirsi nel loro messaggio più grande.
Ma questo era ieri.
...Lui ci ha detto di voltarci verso il Sole, sento qualcuno dire. Il Presente di Father Murphy si compie nell'Eresia, aggiungo io."
John Robertson
Father Murphy fR. mURPHY è il nome con cui lo scrittore William Seward Burroughs appare nel film "Drugstore cowboy" di Gus Van Sant, come anche il protagonista di una, se non più, routine scritte dall'autore stesso. Una di queste, che tratta appunto di un prete tossico che, durante la vigilia di Natale trova una valigia con all'interno un corpo fatto a pezzi, è stata musicata da Kurdt Cobain, ed edita in un disco dal titolo "The Priest: they called Him".
Ma Father Murphy è anche il protagonista di una Leggenda a cui sembra ispirarsi un'omonima band italiana, inizialmente collettivo non ben definito, in seguito composta da freddie Murphy (tra i fondatori del Madcap Collective), Chiara Lee, e il vicario Vittorio Demarin.
La band è stata caratterizzata, nei primi anni di vita, da repentini cambi di stile, associabili più al seguire una sorta di piano predeterminato, quasi una predestinazione, che al mero esercizio stilistico. E quindi, dal lo-fi sghembo e irridente degli inizi, si è ben presto passati ad una psichedelia acustica figlia del Barrett solista, quanto degli Os Mutantes dei primi tre dischi, mixati dall'ironia del buon John Lydon. A questo capitolo della loro esperienza la band si riferisce come alle "Rivelazioni". Dopo un'intensa attività live, in Italia quanto in Europa, il cammino del gruppo sembra affrontare le famose tentazioni di Satana, per compiersi quindi, non tanto nell'ortodossia, ma in una pura e ritrovata furia eretica, dove eresia è però usata nel suo significato primario, ovvero scelta.
Eccoci quindi arrivare a quel "...and He Told us to turn to the Sun", concept appunto sull'Eresia (uscito in Europa per Boring Machines il primo dicembre 2008, e negli Usa/Uk/Giappone via AAGOO Records lo scorso agosto), presentato sinora dal vivo in Italia, Germania, Olanda, Belgio, Slovenia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Austria, Francia, Svizzera, Inghilterra, Scozia, Stati Uniti, che è valso alla band, oltre ad una lunghissima serie di concerti, anche le attenzioni di Julian Cope, Michael Gira, John Dieterich dei Deerhoof (che li han voluti con loro nel palco al recente Sonic City Festival in Belgio), Carla Bozulich/Evangelista, con cui la band ha condiviso varie volte il palco… e, tra le altre, riviste come The Wire, NME, Foxy Digitalis, Uncut…
Il prossimo settembre uscirà un nuovo capitolo di questa Leggenda. Sembra infatti che la band si sia già indirizzata ad un misticismo scuro, devoto al concetto di preghiera continua, comunque contraddistinto da una forte quanto necessaria dose di autoironia. Un nuovo EP, composto da 4 pezzi (tra cui una cover del buon L. Cohen) dal titolo “NO ROOM FOR THE WEAK”, che uscirà in formato 10’’ per AAGOO Records (USA distribuito Revolver, UK distribuito Cargo, Giappone distribuito P*dis), mentre in CD per Boring Machines, rinnovando la già ampiamente collaudata collaborazione tra le due etichette.
Per presentare il nuovo EP I Murphy torneranno negli USA a settembre per l’ennesimo tour, 6 settimane, di cui 2 di concerti di spalla a DEERHOOF e XIU XIU, tra Canada e US, per poi concentrarsi sul vecchio continente durante l’autunno (a breve saranno annunciate le prime date inglesi, a cura di Twisted Robot).
Father Murphy è inoltre rappresentato/fa parte del circuito da SILLY BOY ENTERTAINMENTSILLY BOY ENTERTAIMENT, insieme a Jennifer Gentle, Slumberwood, Mamuthones, Stop the Wheel, Edible WomanJennifer Gentle, Mamuthones, Slumberwood, Edible Woman, Stop the Wheel…

--  Agosto 2011 - LUCCIOLAROCKFESTIVAL

Organizzato dalla nostra associazione Perchè No? si svolgerà ad Agosto "LUCCIOLA ROCK", una rassegna con grandi nomi e band locali.
Il tutto a Villadossola presso l'aera feste La Lucciola. Ingresso gratutio a tutti gli eventi e palco e spazio spettatori al coperto. I concerti inizieranno alle 21.30 e finiranno entro mezzanotte (tassativo). Sul palco si esibirianno i Lords Of Altamont da LosAngele, i finlandesi The Mutants, i grandi Lucertulas, una band in crescendo come Il Buio e poi molte proposte del nostro territorio.
Di seguito trovate il programma dei concerti, le biografie, le foto e i vari link delle band. Cliccando qui potete scaricare e far girare il volantino dell'evento.

sabato 6 agostoLucertulas (Treviso, postcore) + Groundfloor (Vco, rock)
domenica 7 agosto Il Buio (Vicenza, emotionalhc) + The Monkey Weather (Ossola, indiefunkyrock)
martedì 9 agostoThe Mutants (Finlandia, eclettici,  da Dave "Baby" Cortez ad Iggy Pop sino a Manu Dibango..) + The Megs (VCO, r'n'r)
mercoledì 10 agosto - The Lords Of Altamont (da Los Angeles una band mito del garagepunk) + Maurywood (il nuovo progetto di Maurizio Capra).
giovedì 11 agosto - Rumor (da Borgomanero giovanissimi indierocker's)
venerdì 12 agostoKing Suffy Generator (Vco, rock ‘n’ roll strumentale, tra psichedelia e progressiv)

LUCERTULAS
Fra i gruppi italiani più stimati dal Perchè No?, I Lucertulas non conoscono compromessi. Un suono di natura potente ed incisivo che dal vivo sfida anche l'ascoltatore più incallito. Un muro sonoro pronto ad inghiottirti ed a trascinarti in un mondo di distorsione.
Rock-noise-punk-hardcore, furia certo, ma tutt'altro che cieca...
Il gruppo si forma nel 2003 da Christian Zandonella (chitarra), Daniele De Vecchi (batteria) e Sandro Crisafi (basso e voce).
Nel 2004 esce con lo pseudonimo di Superlucertulas il loro primo lavoro “Homo Volans” per l'etichetta indipendente 8mm Records.
Il disco li porterà a suonare con gruppi come Oneida, Kid Kommand, Hella (per citare i più “internazionali” e ad affrontare i loro primi tour esteri: Francia nella primavera 2004 con i conterranei ed amici G.I. Joe, ed un successivo in Germania Settembre/Ottobre 2005 con gli americani Wounded Head.
Dopo questo secondo tour il bassista Sandro Crisafi lascia il gruppo.
Verrà sostituito nel 2006 da Federico Aggio e la nuova line up assumerà definitivamente il nome Lucertulas.
Ad Aprile 2007 i Lucertulas incidono il loro secondo lavoro con l'aiuto di Giulio ragno Favero (ex One Dimensional Man, Putiferio, Teatro Degli Orrori), da titolo “Tragol De Rova”.
Noise tagliente e mozzafiato, chitarre affilate che si mescolano a strutture ambient dilatate, ritmiche ossesive e visioni psicadeliche. Né modaiolo né alla ricerca dell'avanguardia, cerca la propria strada, e la scelta viene ben accolta da “addetti ai lavori” e pubblico.
Nel Giugno 2008 la line up si modifica nuovamente e Daniele De Vecchi cede il posto di batterista a Massimo Cettolin.
Dopo varie esperienze live ( che li portano a dividere il palco con Zu, Oneida, Red Worms Farm ecc..) ed un tour in Francia accompagnati dal gruppo Amavo, a Ottobre 2009 ritornano in studio per il loro terzo lavoro che ne uscirà poi a Maggio 2010 con il titolo “The Brawl”. Un'uscita in un formato del tutto insolito, CD + VINILE SERIGRAFATO con quattro pezzi cantati in italiano, contenuto in una lussuosa confezione cartonata, il tutto grazie ad una collaborazione tra ROBOTRADIOrecords e MACINADISCHIrecords.
Lo stile questa volta è più teso verso atmosfere di stampo più rock con qualche breve incursione nell'ambito del noise ambientale.
13 tracce più elaborate dal punto di vista della costruzione che incanalano la furia dei Lucertulas in un continuo susseguirsi di atmosfere crude e sanguigne che non danno tregua all'ascoltatore, trascinandolo in un vortice mozzafiato senza via d'uscita.
SITO: www.myspace.com/lucertulas
VIDEO: www.youtube.com/watch?v=LtWjpCasjDc

Groundfloor
Dal Vco un gruppo che mette assieme da alcuni anni, alcuni ragazzi già protagonisti in zona di esperienze in altre band. Rock classico si potrebbe definire il loro,
con influenze tra il grunge e l'hardrock. Dalla loro una manciata di canzoni di davvero notevole spesosre compositivo. Fino ad ora hanno prodotto un minicd con alcuni pezzi registrati in presa diretta. Alla formazione si è unito ultimamente Pogiowwd dopo lo scioglimento dei Leo Minor.
sito: www.myspace.com/groundfloorrockband
video: Alice


Il Buio
Il Buio
Il buio come paura infantile, come atmosfera ideale per un approccio erotico-amoroso, come simbolo di pochezza mentale; concetto atavico che senza dubbio affascina e che adesso è anche il monicker di questi cinque "mangiagatti" che hanno dato ala luce alla fine del 2010 di un disco che ha solleticato la curiosità e l'interesse di molti, attraverso parecchie recensioni positive.
Protagonisti di recente al principale festival di musica rock italiano, Il "Mi Ami" a Milano, il Buio fa musica figlia del punk, del noise dell'Hardcore emozionale e disperato, illuminato - a dispetto del nome - e soprattutto viscerale. "Pezzi massicci, da ascoltare rigorosamente in cuffia mentre ti rechi al lavoro in treno, giusto per aumentare un altro po' il tuo senso di alienazione. Non suonano veloce ma risultano frenetici, quando esplodono i ritornelli la pelle d'oca è quasi inevitabile".
Se vi piacciono i Fine Before You Came, The Death Of Anna Karina o Settlefish probabilmente vi piacerà anche Il Buio, meno ironici e più tragici ma il background è comune. Dovremmo sforzarci di pensare al buio.
sito: www.myspace.com/ilbuioregnasovrano

Monkey WeatherThe Monkey Weather
The Monkey Weather nascono nel 2010, propongono un indier rock ricco di sfumature, molto funky tra brit power pop ed influenze new wave.
A febbraio 2011 hanno pubblicato il loro primo 45 giri in vinile dal titolo "People watch me". Divertenti, estrosi sono una delle soprese della muisca rock del VCO.
sito: www.myspace.com/themonkeyweather

 

 

The Mutants

The Mutants

Solo una terra che ha sfornato i Leningrad Cowboys (ve li ricordate con i loro clamorosi ciuffi nel film di Aki Kaurismäki?) poteva regalarci un altro incredibile combo di "matti" finlandesi.
Bizzarri, divertenti ed eclettici, sono una fantasia da dance-party che mischia con assoluta leggerezza Dave "Baby" Cortez ad Iggy Pop per arrivare a Manu Dibango.
Ragazzi, questi è "in-ya-face PARTY rock'n'roll" con influenze variegate dal rhythm & blues al rootsy twang, dal funky soul all'exotica, dal garagefuzz alle colonne sonore dei film di Russ Meyer e Tarantino.
Discography:
Full Albums:
- Grave Groove cd/ 12” Lp 2008
- Mutants Death Cult cd 2005
- Woodoo Blues cd/ 12” Lp 2003
sito: www.themutants.eu

THE MEGS
Il gruppo nasce nel 2009 dall'idea del bassista e voce EDOARDO LAINO. L'intenzione della band è proporre pezzi propri, con il suono inizialmente radicato nel primo punk '77 e nell' hardrock '80; dopo vari cambi di formazionere della band si aggiungono a lui i vecchi amici di live MATTIA ALDIBEK alla chitarra e MARCO AUSONIA alla batteria.
Il suono proposto cambia notevolmente: i riferimenti di IGGY POP e THE NEW CHRISTS sono molto presenti, dando al gruppo quel tocco garage-rock,psichedelico che mancava.
A soli tre mesi la band decide di registrare un singolo GOOD MORNING in presa diretta. Il risultato sonoro sara' molto live e diretto Attualmente la band sta' lavorando all'uscita del loro pirmo disco in studio.
sito: www.myspace.com/themegsband

The Lords of Altamont
La leggendaria e grandissima Garage Rock'n'Roll band from Los Angeles, California, capitanata dal mitico jacke "The Preacher" Cavaliere, con tutta la loro carica esplosiva !!!!!!
DAL VIVO SONO SEMPLICEMENTE PAZZESCHI, DELLE VERE E PROPRIE MACCHINE DA GUERRA...
Hanno stivaletti a punta, tatuaggi, giubbini senza maniche, pantaloni a zampa, borchie, catene, capelli lunghi ed occhiali da sole, scorazzano per le assolate strade di Los Angeles con i loro chopper dalle forcelle esagerate e quando li vedi arrivare da lontano è meglio che ti sposti.
Sono i famigerati LORDS OF ALTAMONT, leggendaria gang di rockers incalliti capitanata da sua maestà Jack "The Preacher" cavaliere, figura cardine della scena Garage-Rock'n'Roll californiana già in azione dalla fine degli anni 80 con nomi del calibro di FUZZTONES, MORLOCKS, BOMBORAS, UNTAMED YOUTH, FINKS, WITCHDOCTORS, GO-NUTS, THE GALLOWS solo per citarne alcuni!
Armato della sua fidata tastiera farfisa rossa, di una voce al vetriolo e di una presenza scenica da vero mattatore, il mitico Jacke guida i suoi LORDS, attivi dal 2002 ed al quarto album (sempre sulla fidata GEARHEAD RECORDS), al suono della più roboante ed elettrica miscela di HARD, ROCK'N'ROLL e GARAGE che si sia mai sentita ed ovviamente, alla faccia delle pose da duri e delle facce da schiaffi, a trionfare è sempre il più sfrenato divertimento ed una buona dose di (auto)ironia, indispensabile per entrare nella parte della banda di motociclisti fuorilegge anni settanta, parte che a nostri eroi riesce da sempre dannatamene bene e per la quale sono diventati un culto di livello planetario.
100% MOTOR ROCK'N'ROLL!!!
Oltre a Cavaliere la band è formata dai chitarristi Johnny “Stiggs” DeVilla e Shawn “Sonic” Medina, il bassista Michael “Mad Dog” Davis e il batterista Max “Sicko” Edison. Vengono a presentarrci il loro ultimo disco, Midnight To 666, giudicato da molti critici il migliore!
Albums
To Hell With The Lords (2003) Sympathy for the Record Industry
Lords Have Mercy (2005) Gearhead/Fargo
The Altamont Sin (2008) Phantom Sound & Vision
Midnight To 666 (2011) Fargo Records
sito: www.lordsofaltamont.com/
myspace : www.myspace.com/lordsofaltamont
video: www.youtube.com/watch?v=AwGRkrQtv10

Maurywood
Praticamente l'esordio per la nuova band di Maurizio Capra, Maurywood appunto, che ha alle sue spalle una esperienza più che decennale fatta come protagonista di due grandi band.
Prima con il posthc dei Wood e poi con il classicrock deegli Electric'69. Dove Maury porterà musicalmente la sua nuova sfida? Venite a vederli!
http://www.facebook.com/pages/Maury-Wood/154977777890883
http://areablog51.wordpress.com/2011/05/16/puntata-21-maury-wood/




RUMOR

Giovanissimi, nascono in provincia di Novara nell’agosto del 2007 dall’incontro di Anelli Elia (chitarra) e Platini Marco(voce, basso) ai quali si aggiunge un mese più tardi Marini Andrea(batteria). La volontà del gruppo è quella di iniziare fin da subito con la composizione di pezzi propri, saltando la noiosa routine del dover fare cover.____ I RUMOR suonano rock, un rock che nasce dalla rabbia, dalla speranza e dalla malinconia, che passa da riff granitici a soffici ballate, il tutto accompagnato da una voce personale che canta testi intimisti e a tratti visionari in Rumorlingua italiana. La musica dei RUMOR è un viaggio nelle loro teste, è l’opportunità di aprire una finestra su di loro, per scoprirne cose che altrimenti non sarebbe possibile conoscere. I RUMOR fanno musica per esigenza e per bisogno, per poter dire la loro verità. ____ i RUMOR hanno suonato con diversi gruppi tra i quali TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI, THE STYLES, MIURA, THEE STOLEN CARS. ____ è uscito a gennaio 2010 il primo lavoro dei RUMOR, l'ep autoprodotto "PRIMA", contenete quattro brani registrati tra novembre e dicembre 2009.
Sito www.myspace.com/rumoritalia

King Suffy Generator
"...progressioni circolari, fluide e omogenee, fecero inciampare gli Ozric Tentacles in una tavola surf….tutta colpa di quella fantastica e immancabile  brillantina chiamata rock’n'roll.  Si scivolava via così bene che il coinvolgimento strumentale era assoluto tant’è che pure le sferzate più frizzanti e le bollicine più psichedeliche prendevano colori e tonalità progressive, caleidoscopiche. Magica, fottuta, leggiadra meraviglia!”
Claudio Besia – Vero Vinile / Blast, Ceres, Italian Mountains
I King Suffy nascono alla fine del 2005 da Dario Bandini (chitarra e  synth) e Walter Magri (basso) a cui da subito si aggiungono il già compagno di musica Stefano Cuccovillo (synth e chitarre), Alberto Grossetti (batteria) e Daniele Tori (chitarra e saxofono).
Dopo l’EP di 5 brani, “Psychosurf ” uscito nel novembre 2007, “60 Minutes Circle” del 2010 è il disco di debutto dei King Suffy Generator, registrato alla Sauna studio di Varese da Andrea Cajelli e Marco Sessa. Il lavoro di studio è stato profondamente influenzato dalle tecniche analogiche di registrazione degli anni 70' , dall’impatto del suono e  dello stato di coscienza tipico delle loro performance live.
L’album è concepito come una lavoro sulla durata, un’estensione della coscienza attraverso l’ ascolto, la dilatatazione temporale attraverso nove brani per una durata complessiva di sessanta minuti.
L’album ha avuto inoltre la collaborazione di Fabio Poggiana (chitarrista della band Post-rock verbanese Leominor), che ha suonato nella traccia di apertura “Broken Cigarettes”.
Il suono dei KSG, dalle radici surf, rock ‘n’ roll strumentale, si è sviluppato in questo disco, attraverso la psichedelia ed il rock progressivo, e la costante ricerca di una forma libera, ipnotica e melodica di espressione. La band cerca di mischiare molte forme musicali diverse che prendono spunto dal rock, dalla psychedelia e dal blues, cercando di sviare ogni tipo di appartenenza a scene o mode, non ponendo veti alla creatività che scaturisce dalla variegata formazione musicale/culturale dei componenti.
sito:
www.myspace.com/kingsuffygenerator
http://kingsuffygenerator.com/
Video: www.youtube.com/watch?v=WwokJGzrUMg

 

 

Leggi tutto...

LA MORTE DELLA NOTTE. PROTESTA A DOMODOSSOLA

In Piazza Mercato il 12 Marzo alle ore 23.00 (possibilmente in abbigliamento nero) Clicca qui per aderire su facebook.
Dopo mesi di general malcontento e di voci gettate al vento...di metterci in movimento è giunto il momento!
PERCHE' ESSERCI?
1) Rivogliamo la musica live perché la musica è vita 2) Siamo contrarie alla chiusura dei locali a mezzanotte 3) Vogliamo divertirci a casa nostra e spendere i nostri soldi nella nostra città
Detto ciò abbiamo deciso di ritrovarci pacificamente e apoliticamente in Piazza Mercato il 12 Marzo alle ore 23.00 (possibilmente in abbigliamento nero) per manifestare il nostro malessere (che siamo certe essere anche il vostro) nel non poter più godere della nostra libertà e giovinezza.
Non siamo delinquenti e non vogliamo il disordine pubblico, ma esclusivamente la rinascita della nostra notte.
Dopo il ritrovo ci sposteremo IN SILENZIO passando davanti a tutti i locali verso il Comune dove rimarremo sempre in ASSOLUTO SILENZIO!!!! Non una parola né nessun tipo di suono. SHHHHHHHH!!!!!!!
RICORDIAMO CHE LA PARTICOLARITA' DELL'EVENTO SARA' QUELLO DI EFFETTUARE UNA MARCIA SILENZIOSA PER DIMOSTRARE CHE ANCHE IN SILENZIO SAPPIAMO GRIDARE!!!
(ricordiamo e sottolineiamo il carattere ASSOLUTAMENTE APOLITICO del ritrovo! )
PS: chi aderisce a questo progetto, anche se non partecipa, giovedì 10 marzo metta come immagine di profilo l'immagine dell'evento.

Stresa festival: grande muisca

Le Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore nel 2011 proporranno venticinque straordinari eventi all’insegna dei festeggiamenti per il proprio cinquantenario. www.stresafestival.eu
Il Festival inizierà con tre spettacolari Concerti di Primavera, affidati ad artisti jazz di fama internazionale, che si terranno gli ultimi due weekend di maggio e il primo di giugno, all’aperto, nel Parco della Villa Pallavicino a Stresa e saranno la pirotecnica anticipazione del Festival 2011.
Sabato 21 maggio la rassegna si apre con Enrico Rava Tribe featuring Gianluca Petrella. Il grande trombettista, musicista rigoroso ma incurante delle convenzioni, è uno dei jazzisti italiani più conosciuti e apprezzati a livello internazionale; con lui si esibiranno Gianluca Petrella, trombone, Giovanni Guidi, pianoforte, Gabriele Evangelista, contrabbasso, e Fabrizio Sferra, batteria.
Domenica 29 maggio dagli Stati Uniti arriva il leggendario contrabbassista Charlie Haden con il suo gruppo Quartet West formato da Ernie Watts, sax, Alan Broadbent, pianoforte, e Rodney Green, batteria. Musicista di primo piano, Haden ha movimentato la scena musicale americana da oltre cinquant’anni, contribuendo alla fondazione di gruppi che hanno lasciato un’impronta significativa nella storia della musica
improvvisata.
Sabato 4 giugno giunge a Stresa il chitarrista statunitense Al Di Meola, uno dei virtuosi di spicco del jazz contemporaneo, che coniuga una tecnica eccezionale a passione e intelligenza. Nella sua lunga tournée mondiale si esibisce con il suo gruppo New World Sinfonia, formato da Kevin Seddiki, chitarra, Fausto Beccalossi, accordion, e Peter Kaszas, batteria.

Leggi tutto...

Seminari sulla musica. Organizza Samsara al MeltinPop

Tra APRILE e MAGGIO presso il circolo Arci Meltin'Pop di Arona (NO) si terranno DIECI incontri di approfondimento musicale, indirizzati a tutti i livelli di preparazione. Seminari tenuti da professionisti del settore che offriranno l'opportunità di svolgere un corso intensivo di apprendimento e perfezionamento del proprio strumento, anche tramite documentazione specifica.
Il programma completo dei seminari, i costi, le biografie degli insegnanti e altri dettagli utili li trovate nella sezione CLINIC SOUND ART di www.associazionesamsara.tk
SCARICA QUI IL FLYER o vedi la SEZ. CORSI su www.meltinpop.it
E' NECESSARIA L'ISCRIZIONE.Inviare la propria adesione entro il 5 aprile scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o chiamando il num. 3476514925. LE PRIME DIECI ADESIONI VERRANNO SCONTATE!!!

Di seguto l'elenco degli incontri ed i temi.

Leggi tutto...

Le serate al MeltinPop a marzo

Segnaliamo gli appuntamenti nel mese di marzo al Meltin'Pop di Arona aspettandovi innanzitutto al concerto da noi organizzato venerdì 11 marzo con gli straordinari ed incendiari LUCERTULAS! Ingresso gratuito con tessera Arci. Tutti i particolari, schede , biografie ecc li trovate su www.meltinpop.it/marzo-2011

★  Inaugurazione “Reverentia” broken skatedoards art exibition venerdì 4 Marzo ore 19 / dj-set dalle ore 22 by BADO’ & BIOX (scratch session drum’n bass breakbeat). Da Venerdì 4 Marzo a Domenica 3 Aprile: la nuova scommessa della gallery aronese di Meltin’Pop, è una mostra di lavori proposti da artisti che hanno recuperato tavole da skateboard usate e le hanno riutilizate come supporto per le loro opere. a seguire drumnbass night

★  Sabato 05 Marzo -> Inizio concerto ore 21:30 THEE STP + SINCLEAR
A due anni di distanza da “Paradise & saints” torna la formazione dei Thee STP. www.theestp.net - SINCLEAR presentanto l'album ‘Nothing Ever Happens’ nel Marzo 2010 www.sinclear.org

Leggi tutto...